Manutenzione del materasso

Tutti i materassi assorbono e scaricano verso il basso l’umidità. Con il tempo quest’umidità finisce per ristagnare tra il materasso e le doghe della rete, favorendo la proliferazione di colonie batteriche e muffe.

  • Dopo il primo mese dall’acquisto, rigirare il materasso da capo a piedi, in modo da favorire un miglior assestamento di tutti i materiali che lo compongono.
  • Mantenere il materasso sempre protetto da un coprimaterasso, nonché usare un coprirete al fine di isolare il tutto dalla polvere del pavimento.
  • Posare il materasso su un piano rigido come una rete a doghe o un pannello multistrato forato in modo da assicurare un ottimo sostegno senza deformazioni e la giusta traspirazione per evitare ristagni di umidità.
  • Evitare di usare le maniglie laterali per il trasporto del prodotto: queste non sono infatti realizzate per reggere interamente il peso totale del materasso ma solo per brevi spostamenti o rotazioni.

Manutenzione ordinaria

A seconda della tipologia di materasso, sarà possibile sfoderare il rivestimento esterno. Se chiaramente specificato, lo si potrà lavare in lavatrice da un minimo di 40°C ad un massimo di 60°C. Prestare attenzione a non esagerare con la temperatura di lavaggio e, soprattutto, non asciugare in asciugatrice.

Nel caso in cui il rivestimento non fosse sfoderabile, la manutenzione dovrà avvenire in modo più delicato e con più frequenza. Bisognerà aspirare con un’aspirapolvere o passare un panno leggermente umidificato.

La struttura interna del materasso, che sia a molle, in memory foam o water foam, va di tanto in tanto areata per evitare l’accumulo di polvere o addirittura muffe e batteri. Si raccomanda di non esporla ai raggi diretti del sole: sarà sufficiente lasciarla sulla base pulita del letto.
sarà importante per preservarne la longevità, inoltre, evitare l’utilizzo di coperte riscaldabili elettricamente o borse dell’acqua.

Per delle istruzioni specifiche riguardo il vostro modello di materasso in particolare, consigliamo di affidarvi al tagliandino abbinato allo stesso. Questa pagina non rappresenta una guida, bensì un’informativa basata sulla nostra esperienza.

Potrebbe interessarti anche:

Torna su