Laminato

Il laminato è un processo di rivestimento del legno molto simile all’impiallacciato. Sostanzialmente, però, sono completamente diversi.

Il laminato consiste solitamente in una composizione di 3 strati:

  • Kraft: strato di carta impregnato di resine fenoliche
  • Foglio decorativo: strato sul quale viene riprodotto il motivo che dovrà avere il pannello
  • Overlay: strato protettivo di cellulosa impregnato di resina melaminica.

Il laminato permette di realizzare pannelli e superfici simil legno dai prezzi contenuti e semplici da pulire. Per questo motivo viene comunemente usato per la realizzazione di cucine, piani da lavoro, banchi di scuola: a differenza dell’impiallacciato non si corre il rischio che cambi di colorazione o che assorbendo umidità si deformi. E’ particolarmente indicato per arredare zone sottoposte a usura o che necessitano di un alto tasso di igiene.

Tipologie di laminato

Nel mercato dell’arredamento vi sono diverse tipologie di laminato che variano in prezzo, stile e resistenza a seconda del processo produttivo della lamina:

  • HPL (High Pressure Laminate): i fogli vengono pressati fortemente e ad alte temperature mediante delle presse piane. Ciò rende il materiale particolarmente robusto e resistente.
  • CPL (Continuous Pressure Laminate): il pannello è sottoposto ad una pressione minore rispetto a quella usata per l’HPL ma costante e mediante delle presse a rullo invece che piane.
  • CHPL (Continuous High Pressure Laminate): pannello di nuova generazione pressato a rulli ad alta pressione. In questo modo si otterrà un risultato molto simile all’HPL.

Si possono ottenere diverse tipologie anche in base al materiale utilizzato per il foglio decorativo:

  • Melaminico: il pannello di legno viene rivestito dal foglio decorativo, il quale viene impregnato da una resina melaminica.
  • Polimerico: Al pannello di legno viene applicato uno strato di materiale sintetico che viene stirato ed adattato alla superficie tramite il calore.

Manutenzione

Essendo un materiale resistente e duraturo, la pulizia prevede una pulizia semplice e veloce, priva di complicati procedimenti da dover seguire. Sarà sufficiente un panno, meglio se in microfibra, leggermente umido e con l’aggiunta di un po’ di sapone neutro o, per lo sporco più complicato, si potranno usare dei detergenti specifici. Per quanto riguarda le macchie liquide, è sempre meglio rimuoverle prima che si asciughino, onde evitare aloni residui sulla superficie.
Non utilizzare per la pulizia prodotti abrasivi come pagliette metalliche o detersivi aggressivi: in tal modo rischieresti di rovinare la pellicola protettiva o di danneggiare irrimediabilmente la lucentezza del laminato.
Nel caso lo sporco non dovesse andare via, rivolgetevi ad un professionista: saprà sicuramente come comportarsi per non rovinare la superficie.

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Lascia un commento

Torna su