Come scegliere un materasso per bambino

Per un neonato o un bambino in fase di crescita, il sonno è un elemento essenziale per la sua crescita. Una buona dormita non solo gli sarà necessaria per consolidare le funzioni fisiologiche del bambino, ma anche per il suo benessere psicologico.

Ma come faccio a scegliere il materasso più adatto se il bambino è in continua crescita?

Lettino per neonati

Partiamo dal lettino per neonati.
Siccome un neonato dorme 16 ore al giorno ed un bambino fino ai 5 anni dorme in media 12 ore al giorno, sarà necessario un materasso che lo supporti offrendo un sonno continuo e confortevole.
Il materasso dovrà innanzitutto essere di qualità, non composto da derivati del petrolio o CFC (clorofluorocarburi): per evitare ciò, molti genitori si affidano al lattice, ma fate attenzione! Molte persone solo allergiche a tale materiale, perciò prestate bene attenzione prima di fare l’acquisto. Un’alternativa al lattice è il memory foam, materiale sempre ipoallergenico/anallergico, ma poco indicato per i neonati: siccome crescono molto rapidamente, uno strato spesso di memory potrebbe risultare controproducente, in quanto potrebbe compromettere la qualità del sonno.
Altra caratteristica importante riguarda la sicurezza: il materasso dovrà essere ben traspirante per evitare la SIDS, ovvero la “morte improvvisa del lattante”. Dovrà, inoltre, adattarsi perfettamente alle dimensioni del lettino: non dovrà essere più piccolo, lasciando buchi tra lo stesso e le sbarre, né dovrà essere più grande, andando a creare pieghe che comprometteranno il comfort.

Letto per il bambino

Una volta abbandonato il lettino, bisognerà prendere un’ulteriore decisione: quale materasso comprare per accompagnare la crescita del bambino?
Un classico letto ad una piazza richiederà un materasso generalmente di dimensione 80×190 cm. Sarà necessario anche questa volta scegliere un supporto adeguato per reggere dimensioni e peso di chi ci dovrà dormire. Altro criterio importante sarà la posizione di dormita: quando si è supini, la colonna vertebrale dovrà formare leggermente una forma a “S”; quando si dorme di fianco, invece, essa dovrà essere dritta. La portanza e l’altezza del materasso giocano un ruolo fondamentale per consentire alla schiena di seguire la sua curvatura naturale.

Ricordiamo che la durata media di un materasso è di dieci anni. Oltre questo lasso di tempo perderà le caratteristiche di elasticità e potrebbe diventare poco igenico: soprattutto se non è stata eseguita la regolare manutenzione, potrebbero essersi creati ristagni di umidità o addirittura colonie di batteri e muffa.
Consulta l’articolo su come effettuare la manutenzione, pulizia e rotazione di un materasso.

Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

Torna su